Resilienza

20151113_115304Sono sempre piu’ frequenti poi le occasioni in cui le Università Agrarie si trovano a partecipare alla definizione di progetti complessi e articolati che hanno come obiettivo quello del finanziamento di iniziative che puntano alla valorizzazione del territorio, al recupero di aree dismesse e alla mitigazione del rischio idrogeologico.20151113_115026-1

Per esempio, l’Università Agraria di Manziana, insieme a quelle di Tolfa e Allumiere ha realizzato il Progetto Life Monti della Tolfa e, attraverso la partecipazione al Bando Turas della Commissione Europea, ha avviato un progetto per la riqualificazione dell’area mineraria Ex Motosi.

unnamed-2

la bomba d’acqua a Manziana

Inoltre, come dimostra la cronaca recente, questo particolare segmento dell’Area Metropolitana di Roma è inoltre un territorio fragile e vulnerabile ad un rischio crescente di eventi naturali avversi. Nel solo autunno 2016 – solo per citare due esempi- due episodi distinti hanno guadagnato la cronaca nazionale: a settembre la bomba d’acqua a Manziana, mentre a novembre l’uragano che si è abbattuto su Cesano. Nell’ambito di questi episodi, le Università Agrarie si sono attivate non solo per prestare pronto soccorso e contribuire alla gestione della crisi.

14938125_1312028612182652_7216329517848700295_n

Uragano a Cesano

Occorre poi sottolineare che la presenza di aree verdi così ampie ha contribuito, non poco, a contenere e mitigare i danni prodotti. In uno scenario globale in cui, proprio questo tipo di eventi estremi dovrebbe aumentare in termini di frequenza e di intensità, la presenza sul territorio di amministrazioni che hanno come obiettivo quello di conservare migliaia di ettari di territorio a Bosco e a pascolo, non può che essere considerato un elemento di fondamentale resilienza.